Domenica, 29 Novembre 2020
itenfrdees

Oltre il Vulcano verso il mare

NOTE STORICHE

cornus campuecorraAbitata sin dal primo neolitico e largamente nel periodo nuragico, la regione del Montiferru in età punico-romana aveva come capoluogo la città di Cornus, rasa al suolo dal console T. Manlio Torquato nell'anno 537 di Roma, dopo la sconfitta dei sardo-punici di Amsicora. Di ogni età storica vi è testimonianza nella regione: domus de janas, dolmen, menhir, nuraghi, tombe dei giganti, betili, villaggi preistorici e città sepolte costituiscono le tappe privilegiate per gli appassionati di archeologia. Nell'Alto Medioevo, il dipartimento del Montiferru apparteneva al Giudicato di Torres con il castello omonimo, del quale oggi è possibile osservare i resti. Con la caduta dei giudici, il Montiferru fu incorporato alla corona d'Aragona e ceduto in feudo a Guglielmo di Montagnans che lo vendette alla famiglia Zatrillas nel 1421 per 6 mila fiorini d'oro. Nel 1670 il feudo venne confiscato a donna Francesca Zatrillas perché accusata di concorso in omicidio e lesa maestà e venduto a don Francesco Brunengo: ma, nel 1709, per indulto di Carlo III, il feudo venne restituito a don Gabriele Aymerich-Zatrillas. Passata la Sardegna alla Casa Savoia nel 1720, il Montiferru continuò a rimanere nelle mani di vari feudatari tenuti molto in odio dal popolo, e con lo scoppio della Rivoluzione Francese anche il Montiferru e Santu Lussurgiu in particolare s'impongono all’attenzione della storia durante i moti antifeudali guidati dal prete giacobino don Michele Obino di Santu Lussurgiu. Nel 1848 anche il Montiferru poté godere dei benefici della Costituzione concessa da Carlo Alberto alla Sardegna.

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo